Florentia San Gimignano contro Verona: come quando Fuselli e Tona giocavano insieme

Foto credit to Alessandro Sanna and Gianfranco Carta

Verona – Due città patrimoni dell’umanità UNESCO, che hanno ospitato Dante Alighieri, che vivono di storia e cultura e, infine, terre di tradizione vinicola. Così come il Sommo Poeta faceva purgare con il digiuno dalla Vernaccia nel XXIV Canto del Purgatorio, così l’Hellas Verona scende a San Gimignano consapevole delle bellezze del luogo e della squadra che troverà dinanzi. Una colonia di cinque ex gialloblù, di cui due che hanno indossato la maglia dell’Hellas proprio l’anno scorso. Un confronto fra due squadre e fra due città dalle enormi differenze, ma dalle impagabili bellezze.

Una confronto che, in assenza di vere e proprie doppie ex, vuole raccontarci di quando Elisabetta Tona – attuale vice allenatrice del Florentia San Gimignano – e Silvia Fuselli – attuale vice allenatrice dell’Hellas Verona Women – giocavano insieme nella Torres e nella Nazionale Italiana. Abbiamo intrecciato le loro risposte alle stesse domande, tra passato e presente.

 

Pensatevi l’un l’altra, cosa vi viene in mente?

Elisabetta Tona
Silvia è un’amica, una persona con la quale ho condiviso tante esperienze. Una persona che fa piacere rivedere appena posso e con la quale sono rimasta in contatto. In verità è una delle poche nel mondo del calcio femminile con cui sono rimasta veramente in contatto, insieme a Giorgia Motta, anche lei al Verona

Silvia Fuselli
Penso a due colori: il rosso e il blu.. il rossoblù della nostra Torres, una famiglia e non semplicemente una squadra. Dicevamo sempre che la nostra pelle era ormai diventata di quel colore, il senso di appartenenza era talmente forte che l’impegno per essere all’altezza di quella realtà e per renderla ancora più grande non conosceva ostacoli. Elisabetta Tona era il nostro capitano e incarnava perfettamente questo spirito, tanto che è stata proprio l’ultima a lasciare la squadra che poi è fallita. Penso quindi a un’amica con gli stessi colori preferiti e l’amore per una terra dalla quale si fa fatica a stare lontani, la Sardegna

 

Il ricordo migliore che condividi con lei?

Elisabetta Tona
Tutte le cene che abbiamo fatto insieme! A parte gli scherzi, mi vengono in mente tutti gli anni in cui abbiamo vinto gli Scudetti con la Torres

Silvia Fuselli
Sono tanti ed è veramente difficile sceglierne uno, più di dieci anni di amicizia sono impossibili da racchiudere in un solo unico ricordo.. abbiamo vinto e festeggiato tanto, abbiamo pianto quando è stato il momento di lasciare quella famiglia e credo che il ricordo più bello sia semplicemente aver avuto la possibilità di condividere insieme un pezzo di carriera ma soprattutto di vita

 

La migliore qualità dell’altra?

Elisabetta Tona
Da giocatrice sicuramente il fatto che non mollava mai in campo, mentre come persona la generosità. Penso siano due concetti assimilabili, la persona è sempre presente nella calciatrice che sei e viceversa

Silvia Fuselli
Come calciatrice, sicuramente una tra i migliori difensori in Italia e non solo, la caratteristica principale era il tempismo, l’anticipare le mosse di qualsiasi attaccante, come persona senza ombra di dubbio la pazienza: questa era Elisabetta Tona

 

Se riformaste quella Torres, oggi, potreste ancora dire la vostra in Serie A?

Elisabetta Tona
Probabilmente, vista l’età, a livello fisico avremmo qualche difficoltà (ride, ndr) a giocare ai ritmi di oggi, ma a livello di gioco e tecnica potremmo dire ancora la nostra

Silvia Fuselli
Questa è una cosa che ci chiediamo spesso, anche scherzando e sì, credo che quella squadra farebbe una bella figura anche oggi che il livello è cresciuto. Però, anche se la curiosità di vederci con qualche anno in meno per misurarsi con le migliori calciatrici di oggi è tanta, credo che alla fine e senza nessun rammarico siamo entrambe felici di aver avuto una carriera così bella e di aver preso parte ad un percorso di sviluppo importante che ha portato il calcio femminile ad avere il riconoscimento che si merita, anche se siamo solamente all’inizio

 

Avete condiviso anche la Nazionale, che ricordi hai della maglia azzurra?

Elisabetta Tona
“Se penso alla Nazionale ho un ricordo bellissimo legato a una partita all’Algarve Cup contro la Germania. Abbiamo vinto 1-0 con un suo goal di testa: la più bassa fra tutte… che fa goal di testa!

Silvia Fuselli
Siamo state compagne di stanza per tanti anni e in questo caso forse ho un ricordo particolare. Prima di una partita di qualificazione contro la Slovenia lei rientrava da un lungo infortunio e in camera, poco prima di andare al campo, le chiesi se era un po’ tesa o emozionata. Lei mi rispose che non lo era per niente. Scese in campo serena. Vincemmo 3-0 con una sua tripletta

 

Meglio la Florentia o l’Hellas?

Elisabetta Tona
La risposta mi sembra ovvia…

Silvia Fuselli
Secondo voi?

 

Meglio i vini di San Gimignano o i vini di Verona?

Elisabetta Tona
Nel dubbio scelgo il Cannonau sardo!

Silvia Fuselli
Meglio i vini di Bolgheri, sempre, ma fra Vernaccia e Amarone preferisco il secondo

 

La passione extra-calcistica dell’altra?

Elisabetta Tona
I vini di Silvia… sono un prosieguo della sua carriera come calciatrice, i nomi dei vini riportano a quello che è stato il suo percorso calcistico. ‘Artemio’, che è il nome del papà, riporta per esempio alle sue radici, ai suoi inizi, mentre ‘Giochessa’ è un chiaro riferimento alle sue doti calcistiche, ma sicuramente sarà più brava lei a raccontarveli! I miei preferiti sono i due rossi, ‘Artemio’ e ‘Itinerante’, il suo è un bellissimo progetto

Silvia Fuselli
La passione più grande di Betta credo sia la Sardegna, dove torna ogni volta che può. So che ama la lettura e che studia per diventare fisioterapista

 

Ritrovarsi su panchine opposte in Serie A?

Elisabetta Tona
Non l’avrei mai detto, soprattutto così nell’immediato, avendo smesso entrambe la scorsa stagione. Sarà sicuramente un piacere vederla in campo, anche se preferirei organizzare una cena insieme a lei (ride, ndr)”

Silvia Fuselli
Sinceramente non avrei mai detto nemmeno che ci saremmo trovate in squadre diverse dalla Torres. Nella nostra mente vestire altre maglie era impensabile, figurarsi allenarle. Invece siamo qua e ci ritroviamo in vesti diverse, con nuovi stimoli ma sempre la stessa passione. Spero che questo sport si arricchisca sempre di più, anche fuori dal campo, della presenza di quelle calciatrici che hanno contribuito al suo sviluppo in questi anni e a tal proposito devo ringraziare chi mi sta dando la possibilità di intraprendere questo nuovo percorso

 

Quale giocatrice ruberesti all’altra squadra?

Elisabetta Tona
Siamo a posto così! Non farei a cambio con nessuna delle loro giocatrici anche se ci sono alcune individualità importanti, ma noi siamo contente delle nostre ragazze

Silvia Fuselli
In questa settimana l’ultimo dei miei pensieri è stato questo, preferisco pensare a come aiutare le nostre a superare questo periodo nel migliore dei modi

 

Ciò che amate di San Gimignano o di Verona?

Elisabetta Tona
Non vivo a San Gimignano, ma è sempre bello e speciale giocare al “Santa Lucia”, sentiamo molto vicina la cittadinanza, il tifo è molto caldo e fa la differenza giocare davanti a un pubblico così! Sicuramente ci piacerebbe vivere di più anche la cittadina che è uno dei borghi più belli d’Italia, ma ci sarà tempo

Silvia Fuselli
Non ho molto tempo libero e preferisco trascorrerlo leggendo o studiando. Piuttosto mi fermo un po’, dato che sono sempre in viaggio tra Verona e casa, per motivi di lavoro. Quando però veramente posso, allora apprezzo moltissimo il centro di Verona, specie se vissuto con gli amici per visitare qualche ristorante o enoteca

 

Che partita sarà domenica?

Elisabetta Tona
Mi aspetto una partita combattuta, entrambe le squadre vogliono e devono vincere per riscattarsi dalle ultime partite. Ogni centimetro perso o guadagnato farà la differenza, bisognerà sfruttare ogni occasione al meglio delle nostre possibilità per portare a casa il risultato

Silvia Fuselli
Sarà una partita difficile tra due squadre a caccia di certezze ed equilibrio. Noi vogliamo recuperare fiducia nei nostri mezzi e provare a esprimere le nostre qualità, ancora tutte da mettere in mostra

Cosa vi direte quando vi incrocerete sul campo?

Elisabetta Tona
Un abbraccio e poi testa al campo, concentrate come sempre. Per tutto il resto ci sarà tempo al triplice fischio

Silvia Fuselli
Ci abbracceremo senza dirci niente per poi ritrovarci e confrontarci ampiamente dopo la partita