Under 15: l’ultima vittoria della regular season, prime e imbattibili! Gelmetti: «Un ottimo campionato, ma l’importante è costruire»

Verona – Si chiude con un’altra vittoria il campionato delle Under 15, imbattute nella regular season e arrivate a quota 46 punti dopo un percorso straordinario, che è valso alle gialloblù il primo posto nel girone del nordest. 15 vittorie e 1 pareggio, per un totale di 46 punti in 16 partite. Media di più di 5 gol segnati ogni gara, 82 in tutto il campionato e appena 8 subiti. 20 marcature per Zandonà, 16 di Bertucco e 15 per Casellato, a coronamento di una squadra che aveva come obiettivo quello di tornare subito a giocarsi le fasi finali e il sogno di accedere alle fasi nazionali, sfuggite di un soffio la scorsa stagione in favore dell’Inter. Contro il Padova domenica mattina è terminata 7-1 in favore delle gialloblù, che poi si sono ripetute nel pomeriggio, con l’aiuto delle colleghe Under 15 2005, vincendo 6-3 in amichevole con il Torino.

HELLAS VERONA-PADOVA 7-1
Marcatrici: 3′ Bertucco, 11′ Casellato, 15′ Zandonà, 19′ Zandonà, 32′ aut. Hounecif, 44′ Bison, 54′ Rossi, 60′ Bertucco.

Hellas Verona*: Rubinaccio, Rossi, Gola, Bissoli, Corsi, Dos Santos, Rancani, Casellato, Zandonà, Bertucco, Iachininoto, Valè.
All.: Gelmetti.

Padova*: Baruzzo, Gelain, Tosello, Bortoletto, Guerriero, Hounecif, Sensi, Gottardo, Bison, Barison, Passini, Stecchini, Bidin, Guietto, Begal, Cuci.
All.: Bonfanti

*calciatrici in ordine numerico di lista

Arbitro: Sig. Atanasov (Sez. AIA Verona)

Un percorso che ora le proietta verso gare più complicate dove sarà importante mettere sul campo tutto ciò che è stato acquisito in questi mesi. È questo il pensiero dell’allenatore Mirko Gelmetti al termine della regular season: «Un campionato eccellente? Se consideriamo i numeri è stata finora un’ottima stagione, ma non mi soffermerei solo su questo. Direi che le ragazze, oltre ad aver dimostrato di saper vincere, stanno dimostrando tuttora che si sta costruendo qualcosa di importante, attraverso crescita e voglia di migliorarsi, dal punto di vista personale e calcistico. L’importanza di iniziare subito a costruire? È essenziale: prima si parte meglio è. Il nostro settore giovanile inizia già dalla categoria Pulcine e vive un incremento di interesse sia da parte degli adulti che delle bambine che si affacciano a questo sport. Bisogna partire presto per costruire step-by-step quel percorso che serve a una calciatrice per crescere anche a livello personale. Tantissime convocazioni con le selezioni regionali, oggi salta l’allenamento? È una grande soddisfazione e un po’ mi infastidisce (ride, ndr) perché vorrei fare sempre allenamento con queste ragazze. Loro non vedono l’ora di entrare in campo, passerebbero qui sul rettangolo verde ogni ora della giornata. Sono contentissimo per le selezioni delle rappresentative e dei centri federali, non possiamo che continuare così. Alle fasi finali le gare più difficili? Da quando l’anno scorso per pochissimo abbiamo mancato le fasi nazionali stiamo preparando questo momento. Le ragazze non vedono l’ora di giocarsela e vogliono stupire, con la consapevolezza del percorso intrapreso e dell’intensità che si è alzata: si è arrivati a uno step successivo. La mia mission, però, non si deve soffermare a questa stagione, ma mi piacerebbe poterle vedere un giorno pronte per giocare in Serie A».